Clement Shahbaz Bhatti nacque a Lahore  il 9 settembre del 1968 da genitori cattolici. Suo padre, Jacob Bhatti, prestò servizio prima nell’esercito e poi come insegnante, prima di diventare presidente del consiglio delle chiese a Khushpur.

Ancora studente, nel 1985 Bhatti fondò il Fronte di liberazione cristiano del Pakistan e nel 2002 fu eletto all’unanimità come presidente del All Pakistan Minorities Alliance (APMA) quando entrò a far parte anche del Pakistan Peoples Party (PPP).

Tuttavia Shahbaz rimase fuori dalla politica fino al 2008, quando fu eletto ministro per gli affari delle minoranze , incarico che, quello stesso anno, per la prima volta, fu elevato al livello di governo con la creazione di un ministero indipendente. Durante il suo mandato come ministro federale, Bhatti prese numerosi provvedimenti a sostegno delle minoranze religiose; tra questi: il lancio di una campagna nazionale per promuovere l’armonia interreligiosa, la proposta di una legislazione che proibiva l’incitamento all’odio e la letteratura correlata, l’introduzione della religione comparata come materia curricolare, l’introduzione di quote per le minoranze religiose nei posti governativi e la riserva di quattro seggi in Senato per le minoranze. Bhatti guidò anche l’organizzazione del National Interfaith Consultation, che ha visto riuniti alti leader religiosi di tutte le fedi provenienti da tutto il Pakistan e ha portato ad una dichiarazione congiunta contro il terrorismo.

Shahbaz Bhatti disse che accettò l’incarico di questo ministero per il bene degli “oppressi, calpestati ed emarginati” del Pakistan, avendo dedicato la sua vita alla “lotta per l’uguaglianza umana, la giustizia sociale, la libertà religiosa e per elevare e potenziare le comunità delle minoranze religiose “. Apertamente impegnato nella lotta per riformare le leggi del paese sulla blasfemia, Shahbaz voleva inviare “un messaggio di speranza alle persone deluse, disilluse e disperate “.

Nel 2009 Shahbaz Bhatti si schierò apertamente a sostegno dei cristiani pakistani attaccati durante le rivolte di Gojra, nella provincia del Punjab e per questo fu minacciato di morte. Queste minacce divennero sempre più frequenti in seguito anche al suo sostegno ad Asia Bibi, una cristiana pakistana condannata a morte nel 2010 per blasfemia.

Shahbaz Bhatti fu ucciso ad Islamabad la mattina del 2 marzo 2011, mentre si recava a lavoro.

Lo stesso Bhatti predisse la sua morte e registrò un video, dove disse :”Io credo in Gesù Cristo che ha dato la sua vita per noi, e io sono pronto a morire per una causa. Vivo per la mia comunità … e morirò per difendere i loro diritti. ”

Il gruppo Tehrik-i-Taliban Pakistan ha rivendicato la sua uccisione e lo ha definito un bestemmiatore di Maometto.

Il 5 aprile del 2011, nel corso di una veglia di preghiera in sua memoria, presieduta da mons Joseph Coutts, vescovo di Faisalabad, diocesi natale del ministro, il fratello Paul ha consegnato la Bibbia di Shahbaz Bhatti, alla Basilica di San Bartolomeo all’Isola, Memoriale dei Martiri del XX e XXI secolo.

Nel marzo 2016, cinque anni dopo la sua morte, è stata formalmente aperta dalla diocesi cattolica di Islamabad-Rawalpindi la causa di beatificazione.


Scultura di legno dipinto, raffigurante una colomba, che proviene dall’iconostasi di una antica chiesa di Aleppo, bombardata durante l’assedio della città.

Scultura in legno dipinto, raffigurante una colomba, che proviene dall’iconostasi di un’antica chiesa di Aleppo, bombardata durante l’assedio della città.

Leggi tutto

Quaderno di Abish Masih bambino pakistano della scuola della pace di Lahore, ucciso in un attentato terroristico alla chiesa cattolica di Yohannabad il 15 marzo 2015

Leggi tutto

Medz Yeghern: il Grande Male, così gli armeni chiamano lo sterminio subito per mano dei turchi nel secolo scorso,in cui persero brutalmente la vita centinaia di migliaia di persone , tanto da essere stato riconosciuto…

Leggi tutto

La fascia, la medaglia con la croce e il bastone della Melanesian Brotherhood, appartenuti ai tre con-fratelli anglicani Patteson Gatu, Alfred Hill e Robin Lindsay nel momento in cui hanno dato la vita per il Vangelo e per la pace nell’Isola di Guadalcanal, il 24 aprile 2003. Con loro si ricordano gli altri confratelli uccisi nelle stesse circostanze: Francis Tofi, Ini Para-tabatu,Tony Sirihi e Nathaniel Sado.

Leggi tutto

Il calice e la patena di don Andrea Santoro, prete romano missionario in Turchia, ucciso mentre pregava nella sua parrocchia di Trebisonda, il pomeriggio di domenica 5 febbraio 2006.

Leggi tutto

Frammento dell’altare di fortuna usato da Mons. Joseph Chmar Salas, vescovo di Phom Penh,(di cui è in corso la causa di beatificazione), morto di stenti a soli 39 anni nel settembre 1977, durante il genocidio operato dal regime dei Khmer Rossi. 

Leggi tutto

Bibbia del ministro cattolico pakistano Shabaz Bhatti, ucciso ad Islamabad il 2 marzo 2011.

Leggi tutto