La cerimonia della consegna mercoledì 15 giugno alle ore 19,45. Presiede mons. Jan Romeo Pawłowski.

Una lettera di Karol Wojtyla alla famiglia del suo amico, compagno di studi nel seminario clandestino di Cracovia, Szczęsny Zachuta, ucciso dai nazisti nel 1944, viene consegnata il 15 giugno alle ore 19,45 dalla famiglia alla basilica di San Bartolomeo, memoriale dei martiri del XX e XXI secolo.

La lettera autografa è la risposta di Wojtyła agli auguri ricevuti in occasione della sua nomina a vescovo ausiliare di Cracovia nel 1958. Viene donata alla basilica di San Bartolomeo dai nipoti di Szczęsny Zachuta, di cui non si conosce nemmeno il luogo della sepoltura.

Szczęsny era l’amico più caro di Wojtyla – come egli stesso scrive – durante gli studi teologici clandestini, quando il futuro papa lavorava come operaio alla Solvay. Allo stesso tempo, era attivo nel movimento di resistenza, nell’organizzazione scout delle “Schiere Grigie”, e aiutava gli ebrei vittime di persecuzione. Arrestato dai tedeschi il 13 aprile 1944, fu incarcerato a Cracovia, dove probabilmente venne fucilato. Il suo nome si trova nell’elenco delle persone condannate a morte il 06 giugno 1944, ma non si conosce il luogo della sepoltura.

I nipoti hanno chiesto che la lettera sia custodita a San Bartolomeo, che “diverrebbe la sua tomba simbolica in un luogo speciale, dedicato alla memoria dei martiri del XX secolo dal suo amico Giovanni Paolo II”.

Gentile Signora
e Caro Sacerdote!
Sono sinceramente commosso dalla lettera della madre e del fratello del compianto Szczęsny, il mio amico più caro durante gli studi teologici clandestini. Lavoravo allora come operaio alla Solvay e mi incontravo spesso con Szczęsny, il più delle volte in chiesa e dal compianto Jan Tyranowski, che di entrambi è stato la guida spirituale. Mi ricordo bene di lei e di sua sorella: vi ho visitato più di una volta. In quegli anni la terribile crudeltà dell’occupante ha portato via Szczęsny a tutti noi. Oggi, quando Nostro Signore mi ha permesso di giungere alla pienezza del sacerdozio qui sulla terra, non posso non ricordare il mio fratello più caro, la cui strada verso il sacerdozio venne interrotta proprio all’inizio.
Per questo vi sono tanto più grato per la lettera che mi avete scritto e per gli auguri in essa contenuti. Vi trovo anche l’intercessione del compianto Szczęsny
Dio vi benedica
+ Karol Wojtyła, Vescovo

Non sono ancora stati caricate pagine correlate