Lettera del beato Stanislaw Starowieysky, cattolico polacco, scritta nel lager nazista di dachau, dove morì il 13 aprile 1941

Stanislaw trascorse la sua infanzia a in una casa di famiglia a Krosno, dove si unì alla Congregazione Società di Maria. Dopo aver intrapreso gli studi di legge, nel 1914 dovette abbandonare la facoltà di Giurisprudenza a causa dello scoppio della prima guerra mondiale e fu arruolato nell’esercito austriaco. Dopo aver combattuto sul fronte orientale in Russia e sul fronte italiano sul fiume Piane, tornò in Polonia, il 1 novembre 1918,dove si unì all’esercito polacco. Fu promosso al grado di capitano, ma durante i combattimenti si ammalò gravemente.

Il 24 agosto 1921 sposò Maria Szeptvcka con la quale ebbe sei figli. Stanislaw non riuscì a terminare gli studi in diritto, ma dedicò la sua vita a sostegno della Chiesa cattolica con opere di carità e predicando il Vangelo.

Nel settembre 1934 organizzò il Congresso Eucaristico diocesano Chelm. Sostenne con impegno e dedizione l’Azione Cattolica di cui fu vice-presidente  e, successivamente, presidente dell’Istituto Diocesano AK Lublin.  Nel 1934 Papa Pio XI gli ha conferito il titolo di ciambellano papale.

Dopo lo scoppio della seconda guerra mondiale fece della sua casa un rifugio per tanti fuggitivi e nel 1939 con l’invasione delle truppe sovietiche nella zona di Lublino, Stanislaw e suo fratello furono arrestati. Inizialmente riuscirono a scappare  durante il trasporto a Tomaszòw Lubelski , ma durante l’occupazione tedesca, il 19 giugno 1940 Stanislaw fu nuovamente arrestato e detenuto nella fortezza di Zamosc, dove i tedeschi avevano creato un campo temporaneo per la popolazione arrestata  e  poi al castello di Lublino una prigione dove passarono oltre 40.000 persone durante l’occupazione tedesca. Successivamente Stanislaw  fu portato nel campo di concentramento di Sachsenhausen , nel blocco 49 con il numero 25711. Nel mese di settembre 1940, fu deportato nel campo di Dachau, nel blocco 23 con il numero 16532. Tra i detenuti, non ha mai rinunciato a comunicare la Parola di Dio ed ha sempre offerto il suo aiuto a chi ne aveva bisogno. Per questo fu duramente perseguitato nel campo e la sua salute ne resintì pesantemente. Morì il 13 aprile del 1941, nella notte tra il sabato santo e la domenica di Pasqua. L’urna con le sue ceneri fu mandata alla famiglia dalle autorità del campo, dopo di che fu sepolto nella tomba di famiglia a Łabuniach.

Stanislaw  fu beatificato da Papa Giovanni paolo II il 13 giugno del 1999 a Varsavia insieme a 108 beati martiri.

Il 19 ottobre 2012, durante una liturgia eucaristica presieduta da cardinale Kazimierz Nycz, metropolita di Varsavia, è stata consegnata alla Basilica di San Bartolomeo all’Isola la memoria di Stanisław Starowieyski insieme a quelle dei martiri polacchi Karolina Kózkówna, e Jerzy Popiełuszk.


La lettera del vescovo luterano polacco Juliusz Bursche, conservata nella cappella dedicata ai martiri del nazismo, fu inviata ai familiari dal campo di concentramento di Sachsenhausen/Oranienburg, dove era stato internato nel 1939 e successivamente giustiziato,…

Leggi tutto

Lettera di padre Martino Nicola Capelli, giovane sacerdote dehoniano ucciso il 1 ottobre del 1944  dalle SS  nell’eccidio di Monte Sole. La lettera custodita nella cappellina dedicata ai martiri del nazismo vuole essere il segno dell’impegno che…

Leggi tutto

Franz Jägerstätter, era un giovane contadino austriaco, cattolico, sposato a Franziska, padre di tre figli. Il 9 agosto del 1943, all’età di 36 anni, fu decapitato in un carcere vicino a Berlino, per la sua opposizione…

Leggi tutto

Eugen Bolz, uomo politico cattolico, deputato del Zentrum al Reichstag per oltre venti anni e poi Presidente del Land Baden-Wuerttemberg fino all’ascesa al potere di Hitler, fu ucciso in un carcere di Berlino, nel gennaio…

Leggi tutto

A metà degli anni Venti Paul Schneider divenne pastore evangelico in due piccole località della Renania. Per la sua azione pastorale entrò in contrasto con il responsabile della sezione locale del partito nazista. Paul Schneider…

Leggi tutto

Vescovo cattolico della diocesi tedesca di Rottenburg-Stuttgart dal 1927 alla sua morte, nel 1949. Per via delle sue prese di posizione contro l’ideologia nazionalsocialista fu costretto all’esilio nell’agosto del 1938. Le SS circondarono la sua casa…

Leggi tutto

Heinrich Ruster era un laico cattolico tedesco, pubblicista, sposato con Susanna Katharina Kleinsorg. Morì a 58 anni nel campo di concentramento di Sachsenhausen, dopo essere stato arrestato più volte per essersi espresso contro il Führer….

Leggi tutto

San Massimiliano Maria Kolbe  era  un francescano polacco che fu definito “patrono del nostro difficile secolo” da san Giovanni Paolo II in occasione della messa di canonizzazione (10 ottobre 1982). Entrato giovanissimo nell’ordine dei frati…

Leggi tutto

Stanislaw trascorse la sua infanzia a in una casa di famiglia a Krosno, dove si unì alla Congregazione Società di Maria. Dopo aver intrapreso gli studi di legge, nel 1914 dovette abbandonare la facoltà di Giurisprudenza a causa…

Leggi tutto

Nata il  primo maggio del 1894 a Brno-Husovice, oggi Repubblica Ceca, di umili origini, Elena Kafka cresce a Vienna, dove, lavorando nel nuovo ospedale di Vienna-Lainz con le Suore Francescane della Carità Cristiana, nel 1914…

Leggi tutto

Omeljan Kovč, prete greco-cattolico ucraino dal 1922 è stato parroco di Peremyshliany, piccolo centro dell’Ucraina occidentale, dove, oltre alla popolazione ucraina, c’era una significativa presenza di polacchi e ebrei. Padre Omeljan si impegnò per animare…

Leggi tutto