Omeljan Kovč, prete greco-cattolico ucraino ucciso in una camera a gas il 25 marzo del 1944 e cremato nei forni di Majdanek.

Omeljan Kovč, prete greco-cattolico ucraino dal 1922 è stato parroco di Peremyshliany, piccolo centro dell’Ucraina occidentale, dove, oltre alla popolazione ucraina, c’era una significativa presenza di polacchi e ebrei. Padre Omeljan si impegnò per animare la vita sociale e culturale della città al fine di favorire le relazioni tra queste tre comunità. Durante l’occupazione tedesca dell’Ucraina occidentale tentò di salvare numerosi ebrei dallo sterminio. In totale distribuì dai 600 ai 2000 certificati di battesimo sapendo di rischiare la sua stessa vita. Per condannare gli eccidi di massa degli ebrei scrisse una lettera a Hitler, nella quale chiese anche il permesso di visitare gli ebrei rinchiusi nei ghetti. Per queste attività fu arrestato dalla polizia nazista nel 1942. Inizialmente fu recluso nella prigione di Leopoli, poi nel 1943 trasferito nel campo di concentramento di Majdanek. A Leopoli fu messo di fronte alla scelta se smettere di aiutare gli ebrei o essere deportato, e, nonostante avesse sei figli, decise di non rinnegare ciò che aveva fatto. Nel lager di Majdanek continuò segretamente ad esercitare il suo ministero sacerdotale, parallelamente al lavoro forzato insieme agli altri prigionieri. Ufficialmente morì per malattia (così comunicarono alla famiglia). Più probabilmente fu ucciso in una camera a gas il 25 marzo del 1944 e cremato nei forni di Majdanek.


Franz Jägerstätter, era un giovane contadino austriaco, cattolico, sposato a Franziska, padre di tre figli. Il 9 agosto del 1943, all’età di 36 anni, fu decapitato in un carcere vicino a Berlino, per la sua opposizione…

Leggi tutto

Eugen Bolz, uomo politico cattolico, deputato del Zentrum al Reichstag per oltre venti anni e poi Presidente del Land Baden-Wuerttemberg fino all’ascesa al potere di Hitler, fu ucciso in un carcere di Berlino, nel gennaio…

Leggi tutto

A metà degli anni Venti Paul Schneider divenne pastore evangelico in due piccole località della Renania. Per la sua azione pastorale entrò in contrasto con il responsabile della sezione locale del partito nazista. Paul Schneider…

Leggi tutto

Vescovo cattolico della diocesi tedesca di Rottenburg-Stuttgart dal 1927 alla sua morte, nel 1949. Per via delle sue prese di posizione contro l’ideologia nazionalsocialista fu costretto all’esilio nell’agosto del 1938. Le SS circondarono la sua casa…

Leggi tutto

Heinrich Ruster era un laico cattolico tedesco, pubblicista, sposato con Susanna Katharina Kleinsorg. Morì a 58 anni nel campo di concentramento di Sachsenhausen, dopo essere stato arrestato più volte per essersi espresso contro il Führer….

Leggi tutto

San Massimiliano Maria Kolbe  era  un francescano polacco che fu definito “patrono del nostro difficile secolo” da san Giovanni Paolo II in occasione della messa di canonizzazione (10 ottobre 1982). Entrato giovanissimo nell’ordine dei frati…

Leggi tutto

Stanislaw trascorse la sua infanzia a in una casa di famiglia a Krosno, dove si unì alla Congregazione Società di Maria. Dopo aver intrapreso gli studi di legge, nel 1914 dovette abbandonare la facoltà di Giurisprudenza a causa…

Leggi tutto

Nata il  primo maggio del 1894 a Brno-Husovice, oggi Repubblica Ceca, di umili origini, Elena Kafka cresce a Vienna, dove, lavorando nel nuovo ospedale di Vienna-Lainz con le Suore Francescane della Carità Cristiana, nel 1914…

Leggi tutto

Omeljan Kovč, prete greco-cattolico ucraino dal 1922 è stato parroco di Peremyshliany, piccolo centro dell’Ucraina occidentale, dove, oltre alla popolazione ucraina, c’era una significativa presenza di polacchi e ebrei. Padre Omeljan si impegnò per animare…

Leggi tutto