Nel suo diario troviamo scritto: "La società non si vuole preoccupare dei piccoli popoli, ha altri problemi e si dimentica della gente che vive nella giungla. Però noi missionari, dobbiamo credere nel Vangelo, lì troviamo scritto che Gesù lasciò le 99 pecore per cercare una; anche se si è pochi si ha lo stesso valore; Gesù si è preoccupato dei piccoli degli abbandonati. Così dobbiamo fare anche noi".

Il Vescovo Alejandro Labaka nacque in Spagna il 19 aprile 1920, a Beizama, piccolo villaggio dei Paesi Baschi. Frate minore cappuccino, fu parroco a Pifo, Superiore della Custodia dei padri cappuccini in Ecuador; ancora Prefetto e poi Vicario Apostolico della Missione di Aguarico. Spese tutte le sue energie a favore della popolazione amazzonica degli huaorani, chiamati anche acuas. Il 21 luglio 1987 venne colpito a morte, insieme a Suor Inés Arango, anch’essa missionaria cappuccina, dalle lance di coloro ai quali voleva annunciare il Vangelo.

Mentre era a Roma nel 1965 per il Concilio Vaticano II, scrisse a Sua Santità Paolo VI: “… ho sentito molto forte dentro di me il mandato di predicare a tutte le genti e specialmente a questi acuas. È iniziata una campagna di avvicinamento ad essi, ma – questa è la mia domanda – fino a che punto posso esporre la vita dei missionari, dei laici e la mia propria propter evangelium?… Beatissimo Padre: se nei disegni di Dio sarà necessario il sacrificio di qualche vita per portare Cristo a queste tribù, vogliate degnarvi di offrirci, insieme con la vittima divina, nella vostra Santa Messa, perché siamo degni di questa grazia e perché possiamo ottenere una benedizione speciale per tutti i missionari e per tutti coloro che ci sono stati affidati”.

Nel suo diario troviamo scritto: “La società non si vuole preoccupare dei piccoli popoli, ha altri problemi e si dimentica della gente che vive nella giungla. Però noi missionari, dobbiamo credere nel Vangelo, lì troviamo scritto che Gesù lasciò le 99 pecore per cercare una; anche se si è pochi si ha lo stesso valore; Gesù si è preoccupato dei piccoli degli abbandonati. Così dobbiamo fare anche noi”.


I Beati martiri di Pariacoto, Michał Tomaszek e Zbigniew Strzałkowski, missionari francescani (OFMConv) polacchi, hanno servito con amore Dio e la gente fino a donare la vita. Dopo appena due anni della loro presenza tra…

Leggi tutto

Fascia appartenuta a Mons. Angelelli, vescovo di La Rioja, in Argentina, ucciso il 4 agosto del 1976.

Leggi tutto
Croce pettorale di mons. Alejandro Labaka

Il Vescovo Alejandro Labaka nacque in Spagna il 19 aprile 1920, a Beizama, piccolo villaggio dei Paesi Baschi. Frate minore cappuccino, fu parroco a Pifo, Superiore della Custodia dei padri cappuccini in Ecuador; ancora Prefetto…

Leggi tutto
Messale di mons Oscar Arnulfo Romero

Mons. Oscar Arnulfo Romero nasce il 15 agosto 1917 a Ciudad Barrios, villaggio di bassa montagna in El Salvador. Entra in seminario nella città di San Miguel e nel 1937 va a studiare a Roma dove è ordinato sacerdote nel 1942. Nel 1943 ritorna in El Salvador. E’ parroco nella diocesi di San Miguel fino al 1968, quando diventa segretario della Conferenza Episcopale salvadoregna. Nel 1970 è nominato vescovo ausiliare nell’arcidiocesi di San Salvador. Nel 1975 è vescovo di Santiago de María. Nel 1977 diviene arcivescovo di San Salvador. Muore nel 1980, ucciso durante una celebrazione liturgica da uno squadrone della morte.

Leggi tutto

Il Cardinale Posadas Ocampo venne ucciso da un gruppo di uomini armati il 24 maggio 1993, mentre era in attesa di accogliere il Nunzio apostolico che giungeva a Guadalajara per assistere alla celebrazione della memoria dei martiri messicani di Jalisco

Leggi tutto