Don Andrea Santoro, prete romano fidei donum che svolgeva il suo ministero in Turchia, è stato ucciso a Trabzon (Trebisonda, Turchia) domenica 5 febbraio 2006, mentre pregava inginocchiato nella chiesa di Santca Maria. La sua morte ha svelato una vita trascorsa nel nascondimento, ma ricca di un profondo patrimonio spirituale e religioso radicato nella storia di una generazione del clero romano. Andrea Santoro nasce a Priverno (Latina) il 7 settembre 1945.

A metà degli anni Cinquanta si trasferisce a Roma con la famiglia, nel popoloso quartiere del Quadraro. Entrato in seminario nel 1958, vive la sua formazione in una stagione caratterizzata dal Concilio Vaticano II. Ordinato sacerdote dall’allora mons. Ugo Poletti, il 18 ottobre 1970, don Andrea diviene viceparroco alla Trasfigurazione, parrocchia del quartiere di Monteverde. Vi rimane dal 1971 al 1980, durante una intensa stagione di sperimentazione.

E’ il periodo del convegno “sui mali di Roma”, e per don Andrea sono anni di battaglie e di approfondimento biblico nella realtà sociale. Nel 1980 il card. Ugo Poletti gli chiede di assumere la guida di una parrocchia, ma don Andrea chiede di prendere un periodo sabbatico da passare in Terra Santa. Tornato a Roma il giovane prete chiede al cardinal Poletti di andare in missione in Oriente, ma il cardinale lo invia, nel settembre 1981, in un quartiere in costruzione sulla Tiburtina (Verderocca) dove farà costruire la chiesa intitolata a Gesù di Nazareth, consacrata nel 1988. Nel 1994 un nuovo periodo sabbatico gli consente di guidare gruppi in Medio Oriente in collaborazione con l’Opera Romana Pellegrinaggi.

Poi i superiori gli affidano la parrocchia dedicata ai santi martiri Fabiano e Venanzio, nel quartiere Appio. Nel 2000 il Card. Camillo Ruini lo invia come sacerdote fidei donum in Turchia. Don Andrea è al servizio del Vicariato Apostolico dell’Anatolia. La sua prima destinazione è Urfa (l’antica Edessa), città d’antica tradizione, punto di incontro di Cristianesimo, Islam e Ebraismo. Don Santoro intende creare un ponte tra la Chiesa di Roma e le comunità cristiane in Turchia, eredi delle Chiesa dell’Asia Minore. Fonda anche un’associazione, «Finestra per il Medioriente», destinata a coadiuvare la sua missione. Nel 2003 don Andrea viene trasferito a Trabzon, l’antica Trebisonda, nel nord-est del paese, sul Mar Nero per occuparsi di una parrocchia con una popolazione cattolica di meno di dieci persone. A Trabzon don Andrea verifica i disastri seguiti alla caduta del gigante sovietico: la forte emigrazione dai territori dell’ex-URSS in Turchia causata da miseria e disperazione, la misera condizione delle cristiane armene o georgiane costrette alla prostituzione.

In Turchia dopo l’11 settembre don Andrea vive su un crinale di crisi del mondo in una stagione segnata da cambiamenti profondi. Il 5 febbraio 2006 viene ucciso con due colpi di pistola alla schiena mentre prega in ginocchio nell’ultimo banco della sua chiesa. La sua è una vicenda umana che incarna l’esperienza di una generazione di cattolici romani che si è nutrita della Bibbia, ha appreso la lezione del Concilio Vaticano II, ha imparato a guardare all’Oriente come ad una sorgente di rinnovamento della fede.

 

 


Scultura di legno dipinto, raffigurante una colomba, che proviene dall’iconostasi di una antica chiesa di Aleppo, bombardata durante l’assedio della città.

Scultura in legno dipinto, raffigurante una colomba, che proviene dall’iconostasi di un’antica chiesa di Aleppo, bombardata durante l’assedio della città.

Leggi tutto

Quaderno di Abish Masih bambino pakistano della scuola della pace di Lahore, ucciso in un attentato terroristico alla chiesa cattolica di Yohannabad il 15 marzo 2015

Leggi tutto

Medz Yeghern: il Grande Male, così gli armeni chiamano lo sterminio subito per mano dei turchi nel secolo scorso,in cui persero brutalmente la vita centinaia di migliaia di persone , tanto da essere stato riconosciuto…

Leggi tutto

La fascia, la medaglia con la croce e il bastone della Melanesian Brotherhood, appartenuti ai tre con-fratelli anglicani Patteson Gatu, Alfred Hill e Robin Lindsay nel momento in cui hanno dato la vita per il Vangelo e per la pace nell’Isola di Guadalcanal, il 24 aprile 2003. Con loro si ricordano gli altri confratelli uccisi nelle stesse circostanze: Francis Tofi, Ini Para-tabatu,Tony Sirihi e Nathaniel Sado.

Leggi tutto

Il calice e la patena di don Andrea Santoro, prete romano missionario in Turchia, ucciso mentre pregava nella sua parrocchia di Trebisonda, il pomeriggio di domenica 5 febbraio 2006.

Leggi tutto

Frammento dell’altare di fortuna usato da Mons. Joseph Chmar Salas, vescovo di Phom Penh,(di cui è in corso la causa di beatificazione), morto di stenti a soli 39 anni nel settembre 1977, durante il genocidio operato dal regime dei Khmer Rossi. 

Leggi tutto

Bibbia del ministro cattolico pakistano Shabaz Bhatti, ucciso ad Islamabad il 2 marzo 2011.

Leggi tutto